.

.
.

martedì 12 giugno 2012

GAMBUSIA AFFINIS: UN VERO KILLER

Il primo quesito che ci si pone creando un laghetto, un minipond o un qualunque specchio di acqua ferma è : " ma non attirerà le zanzare? "
Gli abitanti della pianura come me, sanno che l'uomo esce sempre sconfitto nella guerra contro le zanzare, è una lotta ad armi impari.
Nell'ultimo decennio poi, con l'arrivo della Culex Albopictus (zanzara tigre) la situazione si è notevolmente aggravata.

gambusia affinis

Quando si intende allestire una qualunque tipologia di specchio d'acqua ferma,oltre alla vegetazione, si deve prendere in considerazione l'acquisto della Gambusia Affinis, il vero killer delle zanzare.
La gambusia è un piccolo pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia dei Pecilidi, originario del Mississippi.


Vive sia in acque dolci che salmastre, paludose e stagnanti. Si presenta con una colorazione grigio-bruna, le dimensioni variano dai 3,5cm nei maschi ai 6cm nelle femmine.
La peculiarità di questo pescetto non è certo la bellezza, ma il fatto è che si nutre di larve di insetti, insetti acquatici e soprattutto è ghiotto di larve di zanzare: un solo esemplare divora 150 larve al giorno!

La gambusia è molto resistente, può vivere in acque scarse di ossigeno o molto salate, anche ad alte temperature riesce a cavarsela.
In inverno non ho mai perso gli esemplari adulti, per aiutarle a trovare un riparo ho messo sul fondo del laghetto un coppo del tetto, basta anche un mattone forato o alcuni grossi ciotoli.


La gambusia vive in branco e si riproduce con facilità, una femmina dopo una gestazione di 24-30 giorni, partorisce circa 30 piccoli già autonomi.
Per quanto riguarda la convivenza tra pesci rossi e gambusia, la mia esperienza è positiva, le dimensioni di questi due tipi di pesci sono diverse e nel laghetto del mio giardino mi pare vivano pacificamente.

Per popolare il proprio minipond, sono sufficienti un esemplare maschio e una femmina, sapranno equilibrare autonomamente la quantità della loro prole a seconda dello spazio disponibile. Sono facilmente reperibili in un negozio specializzato per acquari, il costo è molto basso.

La gambusia è stata introdotta in Europa e in Italia un secolo fa e si è rivelata un ottimo strumento per la lotta biologica contro le zanzare riducendo anche la malaria.
Non facendo parte della nostra fauna non bisogna mai liberare in fossi o canali esemplari di gambusia perche essendo molto voraci alterano l'equilibrio biologico della fauna autoctona.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

ma in inverno non muoiono? Mettendo un laghetto di 80-90 cm che precauzioni devo prendere?

Daniela Bazzani ha detto...

Le gambusie sono pesci molto resistenti, in inverno non occorre nessuna precauzione, rimarranno in uno stato di letargia sotto al ghiaccio in attesa della bella stagione. un laghetto con un'altezza di 80-90 cm. è perfetto!!
Grazie, a presto

Cestinante ha detto...

Ciao Daniela, il tuo blog è molto interessante e sto leggendo diverse informazioni utili per la gestione di un mini-pond.

Io ne sto realizzando due, piccoli (circa 30x30x30 cm cad), uno con fior di loto e lenticchie d'acqua, l'altro con ninfee, due piantine marginali e lenticchie d'acqua.

Volevo chiederti qualche ragguaglio sul comportamento delle gambusie, visto che ho provato a metterle nei due pond (due ciascuno), e dal secondo giorno non le ho più viste... sono pesci molto timidi che si nascondono oppure è possibile che qualche animale le abbia catturate?

Simone Cascapera ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.