.

.
.

domenica 30 novembre 2014

GERRIS LACUSTRIS, IL PATTINATORE DELLO STAGNO

Le piacevoli nuotate estive in biopiscina sono ormai un lontano ricordo, la sensazione piacevole di acqua pura e profumata sulla pelle rimane nella memoria un ricordo che il tempo non allontana.
Sulla superficie acquatica ho osservato la copiosa presenza di insetti che "pattinavano" elegantemente sul pelo dell'acqua e si spostavano al mio passaggio, favorevolmente colpita, ho effettuato ricerche più approfondite.

Gerris lacustris

Si tratta di Gerris lacustris, un insetto acquatico detto anche Ragno d'acqua o Pattinatore dello stagno, un Gerride dal corpo sottile e dalle zampe molto lunghe che trova rifugio nelle acque stagnanti anche temporanee.

Gerris è un piccolo insetto molto evoluto dalle caratteristiche interessanti comune in tutta l'Europa, conduce vita gregaria sulla superficie acquatica su cui "pattina" leggero, le ali regresse gli permettono di compiere solo brevi voli.

Nonostante viva in un ambiente acquatico, Gerris non è in grado né di nuotare né di immergersi, per camminare rapidamente sfrutta la tensione superficiale dell'acqua grazie alle zampe idrofobiche cioè dotate di leggera peluria che non assorbe l'acqua.


Le tre paia di zampe di Gerris lacustris sono degne di nota: le zampe anteriori, più brevi e tozze delle altre sono raptatorie (catturano e trattengono la preda), la coppia centrale spinge l'insetto lungo la superficie dell'acqua (come un paio di remi) e permette il salto, la coppia posteriore invece funge da timone.

Gerris ha un corpo nero-brunastro lungo meno di 20 mm molto sottile ricoperto nella parte inferiore da una lanugine di peli idrofobi che permettono all'insetto di non bagnarsi mentre scivola sul pelo dell'acqua compiendo veloci movimenti a scatti.


Il Ragno d'acqua è un grande cacciatore di insetti e altri piccoli invertebrati, pattuglia continuamente la superficie dello specchio d'acqua per divorare gli insetti che emergono per respirare o che cadono accidentalmente in acqua.

Oltre ad individuarli con la vista, Gerris è in grado di percepire le vibrazioni sulla superficie dell'acqua prodotte dal movimento della preda e localizzare con grande precisione gli insetti che rimangono intrappolati dalla tensione superficiale.


Appena raggiunto il malcapitato, Gerris lo immobilizza con il primo paio di zampe e ne fora l'esoscheletro mediante un rostro contenuto nel suo speciale apparato boccale, la saliva poi solubilizza gli organi interni della preda che vengono aspirati dal potente apparato succhiatore.


Gerris lacustris vive nelle vicinanze delle rive di uno specchio d'acqua stagnante ai margini della vegetazione.
A Primavera gli esemplari adulti emergono dallo svernamento e li si può vedere pattinare sul film superficiale dello stagno e accoppiarsi.
A Maggio la femmina depone le uova sopra e sotto le foglie delle piante acquatiche, dopo 10-12 giorni circa, a seconda della temperatura esterna, le uova si schiudono.  

La larva di Gerris per diventare un insetto adulto attraversa diversi stadi di una metamorfosi incompleta costituita da 5 mute sempre più complesse.
La sua esistenza è legata all'acqua: se lo stagno in cui vive dovesse prosciugarsi si sposta camminando alla ricerca di una nuova sistemazione.

Nessun commento: